Multiplate® Reagente Prostaglandina E1

Multiplate® Prostaglandin E1 Reagent frontview

Multiplate® Reagente Prostaglandina E1

Reagente per la determinazione quantitativa in vitro della funzionalità piastrinica attivata dall'adenosina difosfato e dal reagente Prostaglandina E1 (insieme nel reagente ADPtest). Per la valutazione di ADPtest HS (alta sensibilità) e dei controlli positivi (cioè anomali) di ADPtest.

L'aggiunta di 20 μL PGE1 ad ADPtest induce una moderata inibizione dell'attivazione piastrinica in campioni di sangue sano, ma un significativo aumento della sensibilità di ADPtest rispetto all'inibizione piastrinica per clopidogrel. Pertanto, questo esame modificato è denominato ADPtest HS (high sensitivity).1,2 L'aggiunta di 50 μL PGE1 in ADPtest induce una forte inibizione dell'aggregazione indotta da ADP (controllo positivo per ADPtest).

Background

L'aggregazione piastrinica indotta dall'adenosina difosfato (ADP) viene raggiunta mediante il legame della molecola ADP ai recettori purinergici P2Y1 e P2Y12 sulla membrana piastrinica. Il recettore P2Y1 è associato alla mobilizzazione dei depositi di calcio e all'iniziazione dell'aggregazione piastrinica indotta da ADP, mentre il P2Y12 è il principale dei due recettori ed è associato all'amplificazione e al completamento del processo di aggregazione. La stimolazione del recettore P2Y1 provoca un'inibizione a valle dell'adenosina monofosfato ciclico (cAMP), facilitando il processo di attivazione. Anche il recettore P2Y12 è responsabile per l'effetto aggregante della stimolazione ADP. 3,4 Il reagente Prostaglandina E1 (PGE1) aumenta le concentrazioni cAMP mediante stimolazione dell'attività dell'adenilato ciclasi; l'aumento in cAMP inibisce la mobilizzazione del calcio e l'aggregazione piastrinica indotte dall'attivazione del recettore P2Y1. L'aggiunta di PGE1 ad un campione di sangue riduce l'attivazione piastrinica causata dal recettore P2Y1, in base alla concentrazione. Questo effetto migliora la sensibilità della valutazione di sostanze che influenzano l'aggregazione piastrinica attraverso il legame del recettore P2Y12.1,5

prostaglandin-e1-reagent-chart
Referenze bibliografiche
  1. Johnson, A., Dovlatova, N., Heptinstall, S. (2008). Multiple electrode aggregometry and P2Y(12) antagonists. Thromb Haemost. Jun;99(6):1127-9.
  2. Siller-Matula, J.M., Christ, G., Lang, I.M., et al. (2010). Multiple electrode aggregometry predicts stent thrombosis better than the vasodilator-stimulated phosphoprotein phosphorylation assay. J Thromb Haemost Feb;8(2):351-9.
  3. Communi, D., Janssens, R., Suarez-Huerta, N., et al. (2000). Advances in signaling by extracellular nucleotides: the role and transduction mechanisms of P2Y receptors. Cell Signal.12: 351–360.
  4. Jin, J., Kunapuli, S.P. (1998). Coactivation of two different G protein-coupled receptors is essential for ADP-induced platelet aggregation. Proc Natl Acad Sci USA.95: 8070-8074.
  5. Calatzis, A., Rahe-Meyer, N., Theisen, F., et al. (2007). Detection of acetylsalicylic acid and clopidogrel using multiple electrode aggregometry. European Journal of Anaesthesiology, V24, June, p 67.