Tina-quant® Lipoproteina (a) Gen. 2

Valutazione accurata e affidabile del rischio cardiovascolare

  • Livelli elevati di lipoproteina (a) (Lp(a)) indicano un maggiore rischio di infarto e ictus
  • Tina-quant® Lipoproteina (a) Gen.2 è il primo test interamente automatizzato disponibile in commercio su una piattaforma consolidata, ufficialmente conforme alle direttive della European Atherosclerosis Society (EAS) per la standardizzazione nmol/L al fine di garantire una determinazione di lipoproteina (a) indipendente da apo (a)

Questo è importante perché:

  • È la molarità delle particelle Lp(a) (piuttosto che la loro massa combinata) che è correlata al rischio di malattia cardiovascolare (CVD)
  • I test di massa (mg/dL) non prendono in considerazione l'eterogeneità delle particelle Lp(a) intraindividuali. Questo può causare un'errata classificazione dei pazienti.
Matrice del campione Siero, plasma
Volume del campione 2 µL
Durata del test 10 min.
Range di misura 7 - 240 nmol/L
Stabilità a bordo 42 giorni
Frequenza di calibrazione Con ogni lotto

Precisione (modulo cobas c 501)

  • Ripetibilità
  • Precisione intermedia

0,8 – 5,6 %

1,1 – 8,0 %

Tracciabilità SRM2B per nmol/L

Standardizzazione contro metodo indipendente dalla dimensione di apo (a)

  • Il test Tina-quant® Lipoprotein (a) Gen.2 determina la concentrazione (nmol/L) di Lp(a) , piuttosto che la massa (mg/dL) di Lp(a)
  • Questa misurazione fornisce una chiara stima del numero di particelle Lp(a) indipendentemente dal peso molecolare della particella, che può variare da 187.000 a oltre 662.000 Dalton
  • I livelli di Lp(a) può variare fino a 1,000 volte tra individui e gruppi etnici dal momento che il livello è determinato prevalentemente dal gene apo (a) 
  • Per ottenere i giusti valori e fornire risultati indipendenti dalle dimensioni del gene apo (a), EAS (European Society Artherosclerorosis) raccomanda la misurazione della concentrazione di particelle (nmol / L) piuttosto che del peso totale (mg / dL)

La misurazione dei livelli di Lp (a) in termini di concentrazione piuttosto che di massa fornisce risultati che sono indipendenti dalle dimensioni delle singole particelle

size-of-individual-particles

Il rischio di CVD è correlato con la molarità delle particelle Lp(a) e non con la massa combinata delle particelle Lp (a). Classificare i pazienti sulla base dei risultati ottenuti con test che misurano la massa può portare ad una valutazione errata del rischio di malattie cardiovascolari. Ad esempio, gli individui con basso numero di particelle Lp (a) grandi possono mostrare livelli di Lp(a) simili agli individui con un alto numero di le particelle Lp(a) piccole, se analizzati mediante test che misurano la massa, sebbene presentino un minor rischio di malattie cardiovascolari.

Variabilità negli immunodosaggi correlata alla eterogeneità della dimensione delle particelle di Lp (a)

size-of-individual-particles-2

Le concentrazioni di Lp (a) tenderanno ad essere sovrastimate o sottostimate nei campioni contenenti particelle più grandi o più piccole rispetto al calibratore utilizzato.  

Una valutazione semplice, precisa e conveniente del rischio di malattie cardiovascolari

Benefici clinici

  • I valori di Lp (a) riportati in nmol / L non sono influenzati dalle dimensioni dell’isoforma e quindi forniscono una valutazione più specifica del rischio di malattie cardiovascolari

Benefici per il laboratorio

  • Tina-quant® Lipoprotein (a) Gen.2 mostra un'eccellente correlazione con il metodo di riferimento ELISA
  • Conveniente, veloce, robusto, semplice da eseguire, stabile nel tempo con ottima accuratezza e precisione